28/03/2019

Wave for Energy con Eni per produrre energia dalle onde

Completata con successo l’installazione nel Mar Adriatico del primo impianto ibrido per produrre energia elettrica dalle onde di Wave for Energy commissionato da ENI.

Wave for energy energia onde EniWave for Energy, spin-off del Politecnico di Torino leader nella progettazione e realizzazione di sistemi per la produzione di energia elettrica dalle onde del mare, annuncia il completamento dell'installazione del sistema ISWEC commissionato da ENI e installato dalla stessa nel Mare Adriatico a 13 km circa dalle coste di Ravenna. 

Si tratta del primo impianto ibrido al mondo in grado di trasformare l’energia prodotta dalle onde in energia elettrica, adattandosi anche alle differenti condizioni del mare così da garantire un’elevata continuità nella produzione energetica. L’impianto, inoltre, installato nell’offshore di Ravenna a cura del Distretto Centro Settentrionale Eni, è integrato in un sistema ibrido smart grid unico al mondo composto da fotovoltaico e sistema di stoccaggio energetico: energia elettrica prodotta così da solare e moto ondoso per la prima volta nello stesso impianto. 

L’impianto ha raggiunto un picco di potenza superiore a 51 kW, ovvero il 103% della sua capacità nominale. Questa tecnologia consentirà ad Eni di convertire piattaforme offshore mature in hub per la generazione di energia rinnovabile.

Andrea Gulisano, Amministratore Delegato di Wave for Energy dichiara: “L’intero team di W4E ha lavorato incessantemente con ENI, con il partner Remacut S.r.l. e con la collaborazione del Politecnico di Torino per raggiungere gli ottimi risultati ottenuti nel varo e avviamento del sistema ISWEC Adriatico. A partire dalla firma del contratto avvenuta nel Dicembre 2017, il confronto con ENI è stato continuo e ha permesso di sviluppare insieme alcune soluzioni chiave per la buona riuscita dell’installazione. Siamo convinti che questo progetto rappresenti l’inizio di una fondamentale collaborazione e che possa portare a importanti sviluppi nel futuro della società, completando il trasferimento tecnologico dal Politecnico diTorino iniziato quasi 9 anni fa”.

Le onde sono la più grande fonte rinnovabile inutilizzata al mondo, con densità energetica estremamente elevata, alta prevedibilità e bassa variabilità, e rappresentano, quindi, una fonte di energia molto promettente per il futuro e adatta alla decarbonizzazione dei processi offshore. Questo progetto rappresenta per Eni un ulteriore esempio di integrazione con il mondo accademico, per accelerare lo sviluppo industriale di tecnologie innovative, potenziando e supportando il tessuto industriale nazionale.

 

Fonti: Sole24Ore - Wave For Energy


Share